L’ambasciatore inglese? È ancora a Kabul. Quello francese? Idem. E il tedesco ? Non solo non si è ancora mosso, ma tratta pure personalmente con i talebani i rimpatri. Perfino il capo della legazione spagnola ha dichiarato che resterà nella capitale afghana fino a quando anche l’ultimo compatriota non sarà partito.

Insomma, i diplomatici di primo livello europei (compreso il rappresentante dell’UE) sono tutti ancora a Kabul. Tutti, tranne il nostro impavido ambasciatore Vittorio Sandalli, partito con il primo volo utile del 15 agosto.

Dopo aver disposto che l’unico a rimanere fosse l’ultima ruota del carro, il secondo segretario Tommaso Claudi. Poi, sbarcato a Fiumicino, ha provato a metterci una pezza, facendo annunciare dal soccorrevole ufficio stampa della Farnesina che l’ambasciata a Kabul era stata prontamente riorganizzata a Roma. Per fare cosa non è dato sapere.

Non contenti di questo roboante annuncio, dal Ministero degli Esteri lo staff di Di Maio ha provato a truccare ancora di più le carte. Prima facendo attribuire dai soliti media compiacenti al povero Claudi la qualifica di console (mai stato un consolato a Kabul) e poi con il seguente lirico tweet : “Oltre quel muro, c’è la speranza. Grazie al nostro console a Kabul Tommaso Claudi. Non si sta risparmiando, senza sosta, fino all’ultimo”. Proprio come il suo capo…

Avrebbe commentato Emilio Fede in uno dei suoi memorabili “fuori onda”: “Che figura di m…” per l’Italia.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

10 Commenti

  1. In italia, l’ 8 settembre 1943 ha fatto scuola. Tutti i nostri Vertici, ovunque si trovino, hanno imparato la lezione. D’altronde, con l’ 8 settembre, non è iniziata la Resistenza che poi ha portato alla Repubblica Italiana? Figlia di una fuga…

  2. Avevo commentato, su altro sito, che la famosa foto del “console” che sollevava un bimbo a favore telecamere fosse la solita messa in scena italiana per avere visibilità, poco decorosa in una situazione di crisi in cui la diplomazia dovrebbe essere intenta in ben altre azioni, lasciando a chi di competenza il compito di sollevare civili… giacchè capisco che l’uomo rimasto lì, Tommaso Claudi, è un povero Cristo, abbandonato dalla sua stessa organizzazione, ho molto più rispetto per quel che ha fatto mentre i veri diplomatici all’amatriciana di casa nostra si davano eroicamente alla fuga… Le mie scuse a lui, il gesto immortalato in foto assume un segno assai più umano e autentico.

  3. Ma,scusate,se il ministro stava al mare in piena crisi che cazzo doveva fare lì a Kabul l’ambasciatore? I 5 stelle sto ministro ci hanno dato,e ad onor del vero,sto cazzo de popolo di Internet che sceglie i politici con l’influenzanti..altra specie di COGLIONI ,DIREBBE FELTRI, godiamoci sta figura di merda. Mondiale.W i grandi GIULIO,BETTINO,AMINTORE ALMENO CI FACEVANO STARE CON DIGNITÀ FRA I GRANDI DEL MONDO.PER NON PARLARE DI SILVIO,il GRANDE. FECE ATTENDERE LA MERCHEL PER FINIRE LA TELEFONATA. E GIOCAVA CON IL POTENTE PUTIN CON DUDU’IL BARBONCINO. W INTERNET.

  4. Un ambasciatore che non senta la responsabilità di stare al proprio posto in ambasciata è tanto fuori luogo quanto un pompiere piromane… Complimenti al baraccone degli Esteri, sempre pronto a mistificare i fatti e rigirare frittate oltre che, come pronunciato ieri in audizione, a cercare nuovi fondi per la cooperazione da pompare in Afghanistan proprio ora che finirebbero certamente proprio a ingrassare solo i Talebani. Che scienziati laureati al CEPU. Vediamo piuttosto i rendiconti di quanto è stato sinora speso e a favore di chi? Scommetto che la lista delle ONG di “volontari” a 5000 € al mese è bella nutrita..
    Per il resto in maiuscolo, posso pure concordare… i politici del passato, che abbiamo bollato con il male supremo, erano statisti rispetto a certi bambini impreparati, presuntuosi, incapaci… e sono stato generoso.

  5. Non pensate ché sia arrivato il mome di rivoluzionare il tutto . Sono 20 anni di caos si getta danaro per tutti e tutto ma non per il popolo italiano le nostre aziende. Svendute a francesi tedeschi cinesiEuropa ci sta distruggendo è arrivato il momento di unirsi riflettere e agire o è la fine . Elisa. Aversano

  6. La scarsissima rilevanza mediatica a tale evento che conferma lo spessore morale e l’etica dei nostri governanti, dimostra tristemente (ma non è una sorpresa) che in Italia non c’è libertà di stampa e che tutti i media sono rigidamente asserviti e pilotati. Tanto il popolo vuole solo “panem et circenses”.

  7. In effetti lascia quantomeno perplessi che l’unico rappresentante dello Stato italiano rimasto in servizio a Kabul sia un funzionario con meno di quattro anni di servizio e il grado di secondo segretario. Spero solo che la decisione di rimpatriare l’ambasciatore sia arrivata direttamente dai vertici della Farnesina, e non sia stata invece presa in autonomia.
    Vale comunque la pena ricordare che il Corpo diplomatico quest’anno ha già perso in servizio l’ambasciatore Attanasio, in circostanze violente e drammatiche, e che è possibile che ciò abbia pesato sulla decisione finale.
    Detto questo, la faccenda del “console” ha dell’incredibile.

    • ma smettiamola di essere buonisti. L’ambasciatore Attanasio era un eroe che si recava senza scorta ad aiutare la popolazione. Per questo è morto. L’ambasciatore di Kabul al primo pericolo si è prima precipato in aeroporto e poi si imbarcato sul primo aereo in partenza per l’Italia.

      • cioè, fammi capire: sei EROE perchè vai senza scorta? (Allora abbiamo milioni di eroi in Italia!!!) Io avrei detto che forse non calcolava bene i rischi (è un eufemismo!) a cui esponeva quelli che lo dovevano accompagnare per forza… e che in effetti ci hanno lasciato la pelle.. Loro presto dimenticati, l’Ambasciatore eroe? Ma riporta la tastiera al negozio e recupera sti 5 €, vah…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.