ANAS, CAMBIO AL VERTICE?

14
8554

Secondo voci di corridoio nella giornata di ieri è stata presa una decisione: il nuovo presidente di ANAS sarà Ennio Cascetta, attualmente a capo di Rete Autostrade Mediterranee, braccio destro di Delrio. Armani resterà Amministratore delegato (a meno che Gavio non gli faccia una proposta…)

14 COMMENTS

  1. Solo per ricordare che al nord ovest c è lo stesso dirigente 2006 2018 che si occupa di appalti acquisti e assunzioni.
    12 anni sono una grave anomalia che oggi fará dubitare sulla trasparenza dell intero Gruppo FS

  2. LE VOCI DI CUI PARLAVA L’ARTICOLO SONO STATE CONFERMATE…..NEL FRATTEMPO , COME PREVISTO, SIAMO STATI VELOCISSIMI A FARE L’UNICO CAMBIAMENTO CONCRETO ED “IMPORTANTISSIMO E PRIORITARIO”: LA CARTA INTESTATA !!!! MA PER FAVORE…………………

      • Cazzate……..le aziende sono fatte di uomini…gli uomini di FS sono italiani come quelli di Anas e di tutto l’apparato statale……..quindi della sostanza non cambierà un bel nulla..salvo che la carta intestata.

  3. anzi….forse peggiorerà pure, visto che la gestione delle strade ordinarie non è esattamente la stessa cosa della gestione di una ferrovia, dove transita CHI, DOVE e QUANDO decide il gestore !!!

  4. Mentre si prospetta il futuro cambiamento della neo integrata al gruppo FS, il geometra di lungo corso triestino, sempre più LACCHÈ, ha ricevuto pure meriti al lavoro nonostante continui a perpetuare i suoi tramacci nel sottobosco carsolino.
    #porcaio #lui #cugini# #amante #tuttovaben

  5. – assunzioni a tempo indeterminato alla vigilia di FS anche padre e figlio in linea con lo spirito santo della vecchia Anas che ancora gestisce il NO con i figli,parenti e/o amici nascosti negli uffici personale,
    – tecnici a tempo determinato sfruttati per anni che dopo proroghe/deroghe sono abbandonati dalla gestione SAG e posso sperare solo nel corso della giustizia italiana,
    – selezioni esterne per tecnici valutati da amministrativi giá impugnate nelle sedi opportune,
    -selezioni interne di cui tutti parlano che hanno fatto arrabbiare gli amici degli scartati con i giusti requisiti perché le persone era giá state prescelte,
    -promozioni 2017 ad minchiam di SAG, hanno premiato chi non merita e demotivato l’intiero coordinamento creando una grave disparitá di trattamento tra chi svolge la stessa mansione in AC diverse ma non ha lo stesso inquadramento, portando lo stress da lavoro correlato alle stelle e in molti si sono già rivolti all’avvocato,
    – appraisal pilotati per responsabili giá individuati neopromossi, mai stati responsabili di nulla e che in pochi anni con il blocco delle promozioni e le lunghe liste di attesa sono riusciti a fare 4salti in padella SAG da B ad A mentre sta sotto gli occhi di tutti la loro mancanza di capacitá e rispetto verso colleghi e dirigenti,
    – nomine di responsabili di CT a chi é prossimo alla pensione a conferma di quanto sono vivi qui gli usi e costumi del passato,
    – segreteria CT rimpolpata con SAG senza esperienza che sembra creata ad hoc per fare confusione,
    – gestione delle relazioni industriali SAG inqualificabile, mai a memoria dei più longevi erano successi fatti gravi e irreparabili come in questo ultimo anno discussi anche a livello centrale.
    Siamo in Lombardia regione simbolo dell’Italia che produce e crea ricchezza intorno a noi tranne che in Anas CT NO e NB non a causa di personale tecnico o di staff non qualificato ma sempre e solo a causa della malsana gestione del personale che ha demotivato tutti i dipendenti che oggi si occupano solo di salvaguardare i propri diritti quotidianamente calpestati dai SAG.
    E intanto mentre gli uffici personale hanno diffuso la notizia che un altro capo verrá destituito, la causa dei problemi del No siede comodamente al suo posto di comando prevaricando tutti in modalitá “telelavoro da casa”(incredibilmente immobile nello stesso luogo da 12anni)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here