Non bastava la figuraccia che abbiamo rimediato con l’aereo militare carico di giornalisti diretto a Herat per l’ammainabandiera del nostro contingente in Afghanistan. E costretto ad atterrare in Arabia Saudita, con un ritardo di cinque ore sulla cerimonia. Macché.

Gli Emirati, sempre più imbufaliti con l’Italia per le accuse di fornire gli ordigni con cui avvengono i bombardamenti nello Yemen, adesso ci hanno intimato di smobilitare e togliere il disturbo dallo scalo di Al Minhad, quello utilizzato dalle nostre truppe in arrivo e in partenza da Herat. Così, per riuscire a riportare a casa i nostri soldati, adesso saremo costretti a chiedere aiuto al Kuwait.

Un altro grande successo diplomatico del nostro paese, non c’è che dire. D’altra parte, la crisi con gli Emirati va avanti da tempo e riguarda anche altre vicende oscure sulle quali la magistratura italiana continua a brillare per la sua assenza. Per esempio quella dell’Air Force Renzi e l’altra non meno intricata e vergognosa della Piaggio Aerospace e dei suoi droni (vedi l’inchiesta di Sassate).

Proprio vero: chi semina vento, raccoglie tempesta. E calci nel sedere perfino dai paesi arabi. Tipo la Libia (a cui abbiamo risposto picche alla richiesta di aiuto, finendo per favorire la Turchia), l’Egitto (a cui ieri abbiamo venduto invano le Fremm destinate alla Marina) e oggi gli Emirati. Complimenti vivissimi a tutti, ma soprattutto all’ex-premier Conte, al ministro degli Esteri Di Maio e a quello della Difesa Guerini (alle prese, all’interno del Pd, con le strampalate tesi del segretario Letta e della responsabile Esteri Quartapelle…).

Il tutto, naturalmente, avviene nel rigoroso silenzio-stampa di quasi tutti i media italiani. Compresi quelli con l’inviato a Herat, che hanno già ignorato -come ringraziamento per l’invito in aereo-i primi schiaffi emiratini. Faranno altrettanto anche per i calci nel sedere?

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

1 commento

  1. I media italiani non meritano il finanziamento pubblico che ricevono.. sono imbarazzanti per pressappocaggine, palese incompetenza e per il vendersi per un piatto di lenticchie.. sarebbe ora di rivedere questa voce di spesa del bilancio dello Stato che non produce nulla se non accoliti e propaganda politica disgiunta dalla realtà’…. c’e’ invece tanto bisogno di braccia in agricoltura…!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.