Rai/Produzione Roma, ecco come gli inflessibili sindacati si apparecchiano il Ferragosto con un provvidenziale sciopero

Per carità, l’amministratore delegato Fuortes starà pure dando prova di “arroganza e superficialità”. E le richieste saranno pure di buon senso e tutte ispirate a dimostrare che i dipendenti del CPTV di Roma sono davvero la “parte attiva e produttiva” dell’azienda. Ma che per dimostrarlo si faccia ricorso ad uno sciopero di 48 ore in modo tale di poter fare una sosta di cinque giorni a Ferragosto, questo proprio è di una sfacciataggine assoluta.
Non è vero? Allora andiamo a vedere il dettaglio. La RSU lo ha indetto per l’11 ed il 12 agosto, un giovedì e un venerdì. Poi c’è sabato 13, domenica 14 e -finalmente- il lunedì 15. Ferragosto, appunto.
Che ve ne pare? Certo, poi ci saranno da rispettare i turni, ma magari tra qualche provvidenziale “positività al COVID”, altre fastidiose quanto improvvise indisposizioni e qualche aggancio con le ferie già programmate, potete sta sicuri che la paralisi sarà quasi completa. E la vacanza, al mare o in montagna, assicurata.
Perché, Andreotti o Pio XI che l’abbia inventato, resta sempre valido il vecchio detto che “a pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso ci s’azzecca”.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

1,253FansLike
1,323FollowersFollow
2,571SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli