Al Restaino-show, un assente “eccellente”: il CSM dell’Esercito, Farina; che c’è dietro?

7
4560

Previsioni rispettate alla Caserma Gandin per lo spettacolare passaggio di consegne tra i generali Restaino (due stelle) e Di Giovanni (una) alla guida del Raggruppamento Autonomo della Difesa. Ma alla sproporzionata presenza nientemeno che del CHOD, Vecciarelli, ha fatto riscontro l’assenza dell’unico alto ufficiale che poteva (non doveva, poteva) avere un qualche interesse ad esserci: il CSM dell’Esercito, Farina.

Invece, non si è visto. E questa latitanza ha subito rinfocolato le voci secondo le quali esisterebbero dei contrasti tra il vertice della Difesa e quello dell’Esercito a proposito della scelta del nuovo sottocapo di Stato Maggiore. Problema che merita di essere trattato con dovizia di particolari e di cui Sassate si occuperà domani.

Per oggi, accontentiamoci del previsto Restaino-show, con l’allestimento di una tribuna da festa della forza armata (rimasta desolatamente vuota almeno per metà), una mobilitazione di militari assolutamente sproporzionata, pari a 6 compagnie da 54 (oltretutto nella giornata più calda di questa torrida settimana), naturalmente la banda musicale ed uno spreco di cibo che avrà fatto contenti -almeno si spera- i granatieri della Gandin.

Ma l’aspetto più sconcertante di questo passaggio di consegne, è la scoperta delle deleghe di cui Restaino potrà disporre come semplice numero due del Comando di Roma Capitale.

Si era parlato, in generale, di infrastrutture. Bene, invece, si è venuto a sapere che da lui dipenderà la gestione e la relativa manutenzione di tutti gli alloggi di servizio capitolini, circa quattromila. Non basta. Avrà anche analoga competenza sull’intera filiera di basi logistiche e soggiorni militari dell’intero territorio. Una vera pacchia.

Ce ne facciamo volentieri una ragione e continueremo a monitorare la spensierata attività del generale Restaino. Anche perché -notiziona fresca fresca- al MEF si sono stufati di veder ignorate le procedure che saltano a pie’ pari i vincoli del MIBA per la PA e si accingono a mettere in mora (minuscolo, eh) il Ministero della Difesa e lo stesso CHOD.

7 COMMENTS

  1. Egregio Guido Paglia, noto, come i suoi articoli riscuotano un largo consenso tra le Forze Armate ed in particolare gli appartenenti del “Palazzo Esercito”. Nei suoi articoli contro il Gen. RESTAINO trovo un accanimento e delle inesattezze / omissioni tali da far cadere il lettori in opinioni / commenti del tutto fuori luogo. Cito solo alcuni esempi come L’alloggio di Servizio di Fregene che lei definiva lussuosa (se ricordo bene) invece è una stanza attrezzata con gli arredi che erano presenti nell’alloggio del vecchio Capo di SME (che sarebbero andati in qualche vecchio magazzino ad ingrassare i tarli o meglio ancora distrutti), la stanza non ha tutto questo sfarzo o lusso che lei descriveva e chi l’ha visto (sicuramente non Lei né i suoi amici) ha confermato.
    Non mi voglio dilungare molto su le cavolate che scrivete, come in questo articolo, oggi non è il RESTAINO DAY, ma la Festa per la Concessione della Decorazione d’Onore Interforze dello SMD, conferita al Reggimento di Manovra Interforze e conseguentemente l’avvicendamento del Generale Restaino, lei invece fa passare il messaggio sbagliato (il Capo di SMD era presente per consegnare la medaglia al Reggimento di Manovra e non per rendere omaggio al Comandante del Raggruppamento). Sicuramente Restaino avrà molti detrattori tra i Generali del “Palazzo” (tra cui molti presenti alla cerimonia), ma c’è anche un dato di fatto incontrovertibile, dove il Generale RESTAINO è stato chiamato a risolvere le problematiche infrastrutturali e/o logistiche l’ha fatto con passione e dedizione, il Re Mida dei Tramat, risolvendo le criticità che di volta in volta si sono presentate.
    Nel prossimo articolo gradirei un attento studio sulle dinamiche del Palazzo e i tanti Ufficiali (tra cui molti Generali) che “vaccheggiano a Palazzo in attesa di un allocazione / ricollocamento, lo spero, ma sicuramente i suoi amici non saranno d’accordo.
    Comunque le auguro di passare una Buona Serata e festeggiare insieme la caduta del Sultano…
    P.S. Io lo vedo bene Sindaco a Roma…. 🙂

  2. Ma che significa che il MEF “mette in mora” il CHOD? In base a quale norma di legge ha questa competenza? In cosa costituirebbe la messa in mora? Su quali fatti, prove o documenti si fonderebbe? Quante fandonie soltanto per tirare a campare con le visualizzazioni.

  3. MIBA: Moscow International Business Association (Russia)
    MIBA: Maine Indian Basketmakers Alliance (Old Town, ME)
    MIBA: Malaysian Indian Business Association (est. 1999; Selangor, Malaysia)
    MIBA: Missouri Independent Bankers Association (Liberty, MO)
    MIBA: Metro Independent Business Alliance (Minnesota)
    MIBA: Masters of International Business Administration

  4. Tutti questi signori che scrivono con sinonimi fanno ridere. Quello che Lei dice sono mezze verità che vengono purtroppo interpretate male (e Lei ai fini giornalistici ne approfitta). Il signore che Le ha inviato le foto dovrebbe solo vergognarsi poteva non presenziare. Ho 32 anni di servizio e si è sempre fatto così per tutti ora tocca a Lui e lo crocifiggiamo solo perché ci sono rancori con la vecchia Repubblica (delle forze armate) domanda quanti ne dovremmo crocifissione dei nostri Politici. È Facile scrivere ma bisogna accertare le verità da che mondo e mondo al cambio del Comandante di Brigata partecipa tutto il personale della brigata perché questo accanimento?
    Lgt. Ami Roberto malta.
    PS. Essendo altra forza alta non ho nulla a che vedere e non ho bisogno di favori può anche controllare.
    Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here