ANAS verso il commissariamento: arriva l’amministratore unico e niente CdA

Settimana-chiave per l’ANAS. Il governo Draghi sembra deciso, per via Monzambano, a ricorrere al “metodo GSE”: nominare un amministratore unico (quindi Senza CdA) per poi procedere all’incorporazione della più grande stazione appaltante del nostro paese con ASPI (cioè Autostrade per l’Italia). Il tutto, sotto l’ombrello di Cassa Depositi e Prestiti, ora affidata ad un “fedelissimo” del premier (e del ministro dell’Economia, Daniele Franco) del calibro di Dario Scannapieco. E proprio in questa settimana, Franco ufficializzerà il piano all’amministratore delegato di Fs, Luigi Ferraris,  spiegandogli quali dovranno essere i passaggi per annullare il discusso trasferimento di ANAS sotto il colosso ferroviario e procedere verso la sua nuova collocazione.
La decisione governativa, è la diretta conseguenza della “bocciatura”, da parte dell’Avvocatura dello Stato, dell’ipotesi formulata dal ministero delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili di poter equiparare l’ANAS al modello di Poste e Rai, introducendo la “contabilità separata” tra introiti pubblici (leggi  lunghissime concessioni) e ricavi ottenuti dal mercato.

Commenti

    • Invece fino adesso è andato tutto bene vero? da ciucci a simonini ne hanno fatte di porcate per il bene dell’azienda ha sentire loro. Ora dopo l’arrivo dell’AD unico, bisognerebbe cacciare almeno 80% della classe dirigenziale incapace e collusa con i soliti sistemi marci e mafiosi allora si che ci sarebbe il vero cambiamento di rotta. Qui si spartiscono denaro pubblico da anni è ora di falla finita. manica di incapaci e incompetenti .

  1. l’ANAS distrutta dalle scelte scellerate, grandi ciabattari che mal governano l’azienda continuano ad attuare il loro disegno distruttivo con nuove nomine trasferimenti dove l’unico criterio è giurare fedeltà al piccoletto che gioca a fare il direttore visto che il direttore è distratto da altro.
    Il piccoletto non solo si impiccia nelle gestioni dei lavori anche quando non dovrebbe adesso si è scoperto anche gestore delle risorse umane sponsorizzando promozioni trasferimento.
    Si va dalla vecchia fiamma bisognosa di ricongiungersi con nuovo amato a interi gruppi familiari in sfregio a chi da anni aspetta onestamente di essere trasferito.
    Il commissariamento è urgente per cacciare i ladri dal tempio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

0FansLike
3,049FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli