L’associazionismo sindacale non ha ancora preso forma, che già vive il tragico fenomeno della violazione del diritto d’autore. Nello specifico, ci riferiamo a DemofiloMil, questa figura misteriosa, apparentemente senza né un volto né un corpo, che ci ha accompagnati per tutta l’estate con i suoi opuscoli d’ispirazione degasperiana, e che si trova a vedersi scippate le proprie idee, riciclate come massime filosofiche degne della miglior scuola di Atene.

Certo, direte voi. In qualsiasi tipo di organizzazione collettiva, così come in politica, il nozionismo la fa da padrone; i principi ai quali ispirarsi sono pressoché sempre gli stessi; i progetti finiscono con l’assomigliarsi un po’ tutti; però, sta a noi scegliere quali sposare.

È tutto vero. Ma ci sono delle differenze. Una di queste è la tempestività. Non importa che due persone abbiano gli stessi pensieri, il discrimine lo fanno due fattori: il tempo (appunto), e la paternità.

Non basta spiattellare qualche concetto scopiazzato qui e là ed infarcirlo di sano populismo per avere una sua veridicità. Per intenderci, parlo di quel populismo che ha portato Di Maio & Co. a sedersi in Parlamento al grido di «Mai con chi ha distrutto questo Paese», salvo poi gozzovigliare al tavolo con l’orfano delle sagre, Matteo Salvini e il redivivo, Silvio Berlusconi. 

No. Nell’associazione sindacale serve di più. Molto di più. Serve una mente autonoma, scevra da sovrastrutture e logiche clientelari per elaborare i concetti, lasciarli decantare e aspettare che prendano forma. Non basta appropriarsi dei pensieri altrui, farli propri, piazzarsi davanti ad un Pc, scrivere due frasi ad effetto per tributarsi la paternità, o presunta tale, di quei dettami filosofici partoriti da altri. Ci vuole studio.

La storia di DemofiloMil nasce su queste colonne. Siamo stati noi, per primi, ad aver “svelato” i padri fondatori del DemofiloMil Pensiero, ed è in nome di quei capostipiti che diciamo: «Attenzione! Quando scrivete DemofiloMil vi guarda».

Ovviamente si scherza. È tutto un gioco. Come quello delle “tessere”. L’associazionismo di basa sul tesseramento, ne fa la propria ragione di vita. Ma le persone che si tesserano devono anche fidarsi di chi ti propone “l’offerta” più allettante, più in linea con la tua storia, che salvaguarda i tuoi diritti.

E allora, cari ragazzi, fan di DemofiloMil, la prossima volta che chiamate il vostro beniamino, chiedetegli di collaborare, di sedervi intorno a quel famoso tavolo e discutere, ma non di slogan, bensì di cose reali. Solo insieme si possono dare vita a grandi progetti. Scambiandosi pareri, considerazioni, dubbi, perplessità. Nessuno si salva da solo, recitava un famoso libro di qualche anno fa.

Se io non lo avessi fatto nel mio campo, a quest’ora, avrei intrapreso la carriera da performer, senza averne né le qualità tantomeno l’attitude.

CONDIVIDI
Avatar
Nostalgico dei bei tempi andati. Qui si occupa di un po’ di tutto. La sua cifra stilistica è il sarcasmo. Da usare smoderatamente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.