TERNA, ovvero come gettare al vento 100mila euro per sponsorizzare il Giro d’Italia Women: di grazia, qual è il target da raggiungere, i tralicci?

Reduce dai trionfi negli USA (vedi le precedenti Sassate), l’ineffabile AD di Terna, Giuseppina Di Foggia, ha finalmente deciso di dare una spinta decisiva alla comunicazione aziendale. E ha deciso che il target da raggiungere è quello dei tralicci che trasportano l’alta tensione negli oltre 74.000 km del territorio nazionale.

Non è uno scherzo, perché non si giustifica altrimenti la sponsorizzazione di oltre 100mila euro concessa per il Giro d’Italia Women del luglio prossimo.

In azienda, sono rimasti basiti. Ma d’altra parte, quando si sceglie come comunicatore un “esperto” come David Massey, laureato in musica e suo fidato coach per le lingue straniere, è il minimo che ti può capitare. Chissà quale strenua resistenza sarà riuscito ad opporre agli scaltri agenti di RCS a caccia di polli da spennare.

O per caso è una decisione autonoma dell’AD, a sua volta a caccia di “marchette” sul Corriere della Sera (allora già incassata a proposito del brillante bilancio) e magari anche su La 7?

Commenti

  1. Terna è una brillante azienda, partecipata statale e solida in Borsa. Di Foggia è arrivata da poco… Vedremo…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

1,253FansLike
1,323FollowersFollow
2,571SubscribersSubscribe

Ultimi Articoli