Confindustria, giornate decisive per individuare il miglior successore di Boccia; la sorpresa è Licia Mattioli

0
2628

Trenta lettere di sostegno per il presidente di Assolombarda, Carlo Bonomi; 25 in favore del Giuseppe Pasini (FERALPI), grazie all’accordo con Emanuele Orsini, ma già più di 20 a lanciare la candidatura di Licia Mattioli, la vera sorpresa di questa prima fase delle primarie per il nuovo vertice di Confindustria.

Le indiscrezioni dicono questo. E se Bonomi può contare sulle designazioni più importanti della Lombardia, ad eccezione di Brescia, Como e Varese, schierate con Pasini, il “rivale” ha dalla sua parte anche Verona, Vicenza, Reggio Emilia, Udine e il nord della Toscana.

Ma il colpo di scena è rappresentato dal crescente consenso intorno alla candidatura della vicepresidente uscente per l’internazionalizzazione. Perché in suo favore, oltre naturalmente Torino e buona parte del Piemonte, si stanno pronunciando poco alla volta, il Centro Italia e quasi tutto il Sud (la Puglia è schierata con Bonomi). Dimostrando così che la Mattioli appare come la candidata più popolare e trasversale, a prescindere dalle potenti roccheforti territoriali del Nord.

Se dovesse trovare il sostegno della Sicilia, diventerebbe automaticamente l’avversario da battere per i troppo “nordisti” Bonomi e Pasini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here