Alla fine, dopo due mesi di tira e molla, l’ha spuntata Guerini. Era stato il ministro della Difesa a designare il generale di corpo d’armata Luigi De Leverano (attuale SCSMD) come possibile successore dell’ammiraglio Carlo Massagli.

Ma lo sconcertante “”blitz” con il quale il CSMD, il generale Enzo Vecciarelli, aveva contemporaneamente provato a candidare per quel ruolo il proprio capostaff, Francesco Presicce, aveva creato un cortocircuito spingendo l’entourage di Draghi ad approfondimenti per cercare di capire bene i retroscena della vicenda.

E nei due mesi di stallo, è successo di tutto. Perché non sono mancati interventi esterni di vario genere per sottolineare, ad esempio, che De Leverano era ormai ad un passo dal compiere i fatidici 63 anni (tra un mese) e quindi raggiungere l’età per il collocamento in ausiliaria.

Peccato, però, che Guerini abbia subito fatto disporre un articolato parere che ha dimostrato -anche alla luce di vari precedenti- come l’alto ufficiale possa ugualmente ricoprire il ruolo di consigliere militare del premier almeno fino a quando il governo resterà in carica.

E così, oggi pomeriggio, ai margini del Consiglio dei Ministri, Draghi ha potuto finalmente firmare la lettera a Guerini sulla nomina di De Leverano. A cui, ora, toccherà il compito di scegliersi una sorta di “vice”, un generale ad una o due stelle proveniente dalle file dell’Aeronautica, esperto di problematiche dello spazio.

Ciò in quanto il sottosegretario Bruno Tabacci ha chiesto ed ottenuto da Draghi un rafforzamento della struttura proprio in relazione alle crescenti necessità di questo sempre più strategico settore della Difesa.<br> Risolta questa “grana”, Guerini dovrà invece sciogliere un altro nodo particolarmente intricato: quello della scelta del suo prossimo capo di gabinetto, dopo la nomina del generale Pietro Serino a CSM dell’Esercito.

In “pole” sembra esserci sempre l’ammiraglio Credendino, anche se pure in questo caso, si segnalano varie sponsorizzazioni non gradite dal ministro della Difesa da parte di alcuni stati maggiori.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

1 commento

  1. È la dimostrazione che ai vertici attuali di SMD siede un Generale poco ascoltato soprattutto quando bisogna sussurrare al Ministro i propri gioielli.Un quesito è d’obbligo,e cioè quando mandiamo in pensione un ex Generalone che sta nel consiglio supremo difesa? E l’altro Gen.che sta a Bruxelles sempre dell’Esercito c’entra qualcosa nelle decisioni intraprese dall’on. Guerini?E vogliamo parlare della ex Ministra del PD? Quella che ha “trombato” un ex grande Capo di SMA Gen Preziosa? Certo che il PD sta messo male.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.