Megaretata contro ‘ndrangheta e massoneria calabrese: chi è il figlio del “boss” che doveva essere assunto al Gemelli?

1
13126

Tutte le volte che partiva qualche “Sassata” sulle infiltrazioni massoniche al Policlinico Gemelli, i vertici dell’ex-ospedale del Papa, ridacchiavano o reagivano un po’ infastiditi: “fantasie… calunnie… dietrologismi infondati”. Certo, come no.

E adesso come pensano di rispondere a quanto dichiarato dal procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, a conclusione della mega-retata che ha disarticolato le connivenze tra ‘Ndrangheta, politica e Logge massoniche in Calabria?

A chi si riferiva Gratteri, quando in conferenza stampa ha parlato del “tentativo di far assumere al Gemelli il figlio di uno dei capi del clan mafioso legato alla massoneria”? E soprattutto: chi era stato interessato all’interno della struttura sanitaria per gestire la pratica? Sono curiosità legittime.

Per soddisfarle, basterà attendere il deposito degli atti. Anche Papa Francesco, che da anni si guarda bene dal mettere piede al Gemelli, proprio per le “fantasie” sugli inquinamenti massonici, sarà certamente lieto di saperne di più.

1 COMMENT

  1. Forza Italia sembrerebbe il Partito di riferimento della P… x, dalla P2 ne hanno fatta di strada … ricordo Previti condannato per reati legati alla mafia .. (Calabrese) poi esponente di spicco di Fratelli ďItalia … e persino esponenti della destra PD … esempio di come le DESTRE siano inaffidabili …

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here